Welink Legal Welink Legal
Avvocato matrimonialista

Avvocato matrimonialista: chi è e cosa fa

Welink Legal

Welink Legal

Avvocato matrimonialista: chi è e cosa fa

Tra i vari sbocchi che colui che sceglie la carriera di giurista può seguire vi è quello di diventare un avvocato matrimonialista. Contrariamente a quello che si pensa, non si tratta di un mestiere semplice in quanto le questioni familiari sono spesso molto intricate e si intrecciano con discipline giuridiche differenti che le rendono di difficile risoluzione.  

Ma cosa fa esattamente questo tipo di avvocato e qual è il percorso di formazione che deve seguire?

La formazione dell’avvocato matrimonialista

Prima di tutto è bene sottolineare che la formazione di questo tipo di avvocato è uguale a quella delle altre professioni forensi. 

Dopo la laurea triennale e la specialistica o dopo il percorso di laurea quiniquennale se si tratta di vecchio ordinamento, il nostro avvocato dovrà iniziare un percorso di tirocinio presso uno studio legale. Dato che il percorso di studi è comune a tutti indipendentemente dal tipo di strada successiva che si vuol intraprendere, è indispensabile che il periodo di pratica venga svolto presso uno studio di un altro avvocato matrimonialista che si occupi di diritto di famiglia. 

Solo in questo modo il nostro avvocato potrà acquisire le competenze necessarie che gli permetteranno di fare pratica e affermarsi nel settore. 

Dopo questo periodo, potrà sostenere l’Esame di Stato per l’abilitazione all’Esercizio della professione di avvocato. Superato l’esame, vi sarà l’iscrizione all’Albo che è un prerequisito indispensabile per iniziare ad esercitare la professione sia autonomamente che per conto di altri.  

Data la particolarità delle questioni legali che si troverà ad affrontare, sarebbe preferibile se il nostro avvocato frequentasse anche dei corsi di psicologia o pedagogia per arricchire le sue conoscenze ed acquisire una formazione a 360 gradi.

 

Chi è l’avvocato familiarista? 

L’avvocato familiarista è un consulente sui diritti e doveri da onorare durante il matrimonio ma si occupa anche di divorzi e separazioni e e di matrimoni tra culture differenti pertanto deve essere un esperto anche in termini di leggi sull’immigrazione. 

Oltre che a queste questioni, l’avvocato familiarista si occupa delle unioni al di fuori del matrimonio come quelle tra le coppie di fatto e i diversi tipi di convivenze. 

Altre questioni importanti hanno a che vedere con i diritti dei minori. Sarà questo tipo di avvocato a decidere il tipo di affidamento più consono tenendo in considerazione il bene dei minori e la loro tutela. 

E’ bene chiarire che nonostante nel linguaggio comune si tenda a considerare l’avvocato familiarista ed il divorzista come due professioni separate in cui la prima ha a che vedere con le leggi riguardanti il matrimonio e le unioni mentre la seconda invece si occupa di divorzi e separazioni, in realtà si tratta della stessa professione. 

Quali caratteristiche deve avere un avvocato familiarista?

Vista la particolarità delle questioni che si trova ad affrontare, l’avvocato familiarista oltre a conoscere la legge in termini di diritto di famiglia, della persona e dei minori, deve essere un bravo mediatore ed avere empatia. Quest’ultimo prerequisito è indispensabile per svolgere questo lavoro in quanto si ha a che fare con la sfera umana e personale, pertanto è importante essere in grado di trattare le situazioni legate a questo campo con il massimo riguardo. 

Tra le principali caratteristiche caratteriali che deve possedere spicca la pazienza, il polso e la capacità di mantenere un atteggiamento distaccato anche davanti a questioni molto spinose che potrebbero coinvolgerlo emotivamente. 

Spesso infatti ci si ritrova a dover presenziare casi molto difficili come divorzi e separazioni che coinvolgono anche i più piccoli che se non vissuti con il giusto distacco potrebbero offuscare l’obiettività del professionista e compromettere l’esito del processo.

Dal punto di vista umano, l’avvocato familiarista deve essere tollerante ed indulgente. Se non si è in possesso di questo tipo di caratteristiche è meglio scegliere un altro tipo di percorso dopo la laurea e diventare avvocato civilista o penale. 

 

Due criteri indispensabili nella scelta dell’ avvocato familiarista

Oltre alle caratteristiche di cui abbiamo parlato, quando si sceglie l’avvocato familiarista che sosterrà le nostre cause, è fondamentale tenere in considerazione due fattori che sono: 

  • L’esperienza: è bene accertarsi che l’avvocato a cui decidiamo di rivolgerci eserciti la professione da tempo sufficiente per essere considerato un professionista accreditato. Infatti, dobbiamo tenere in considerazione che stiamo mettendo nelle sue mani questioni molto delicate che potrebbero cambiare il corso della nostra vita, quindi è fondamentale rivolgersi ad una persona competente che oltre che conoscere la legge in materia si sia già trovato ad affronatare casi simili e sappia pertanto come muoversi.

  • Vicinanza: è bene conoscere personalmente il proprio avvocato e comunicare in maniera diretta con lui. Dato che l’avvocato sarà il vostro rappresentante legale, deve conoscere a fondo la questione. Pertanto sarà bene scegliere un professionista che operi nel proprio comune di residenza in modo da avere rapporti diretti face to face con il professionista. 

Sei un Avvocato?

Fai conoscere la tua attività su Welink Legal