Welink Legal Welink Legal
Convivenza di fatto

Convivenza di fatto: cosa è e come funziona a livello legale

Welink Legal

Welink Legal

Convivenza di fatto: cosa è e come funziona a livello legale


Dopo aver dedicato alcuni articoli al matrimonio, in particolare trattando in maniera approfondita il tema della gestione del patrimonio dei due coniugi, oggi vogliamo soffermarci sui diritti di quelle coppie che decidono di non formalizzare la loro unione in matrimonio, le cosi dette coppie di fatto.  

In particolare in questo articolo, dopo aver chiarito i casi in cui si può parlare di convivenza di fatto e i documenti necessari a formalizzare questo tipo di unione, ci soffermeremo anche sui diritti e doveri che ne derivano e su quelli che invece rimangono esclusivi dell’unione matrimoniale.  

 

Cosa si intende per convivenza di fatto e chi sono i conviventi?  

 

La legge parla di convivenza di fatto quando due persone, di maggiore età sia dello stesso sesso sia di sesso differente, sono legate da legami stabili affettivi diversi da parentela o matrimonio

I conviventi di fatto, pertanto, rientrano nello stato civile libero non essendo legati l’un l’altro da alcun vincolo matrimoniale nonostante il loro rapporto sia simile a ciò che avviene con il matrimonio. Inoltre, per essere definiti tali, il requisito della stabilità del rapporto è imprescindibile. 

La carta di convivenza e il contratto di convivenza

 

Una differenza che vale la pena sottolineare è quella tra conviventi di fatto e coppie di fatto

Infatti, perchè si possa rientrare nella prima categoria e quindi poter esercitare i diritti e doveri che ne derivano sarà fondamentale che i due partners formalizzino la loro unione attraverso alcuni documenti necessari per la convivenza di fatto tra cui la carta di convivenza e il contratto di convivenza. 

Cosa si deve fare per avere la carta di convivenza? Trattandosi di un vero e proprio documento con il quale i due partners decidono di formalizzare la loro unione, bisogna inviare un fax o una mail o recarsi fisicamente al Comune di Residenza con un’autocertificazione che dichiara il legame affettivo e lo stato di conviventi dei due partners. Il Comune di residenza provvederà poi a rilasciare il certificato di Stato di famiglia e quello di residenti.

Per quanto riguarda la gestione del patrimionio, diventa necessario formalizzare la propria decisione con un contratto di convivenza essenziale se si vogliono formalizzare anche i rapporti patrimoniali tra i due partners. Con questo documento si potrà scegliere anche di rientrare nel regime della comunione dei beni alla stregua di ciò che avviene con il matrimonio. 

La differenza tra conviventi di fatto e coppie di fatto 

 

Le coppie di fatto hanno meno diritti dei conviventi di fatto. 

Allo scopo di tutelare i minori che nascono dalle unioni di fatto, la legge prevede alcune tutele nei confronti dei figli dei partners di fatto, i quali devono essere mantenuti alla stregua di ciò che avviene con due coniugi legalmente uniti in matrimonio. 

Inoltre, nel caso di abbandono da parte del convivente quando la propria compagna è in stato interessante, sarà possibile che la stessa esiga un’ assistenza economica e materiale da parte dell’ex convivente anche se i due non erano legati da alcun vincolo matrimoniale.

Convivenza di fatto e residenza diversa

 

Interessante è anche sottolineare il fatto che lo status di conviventi di fatto non viene meno nel caso in cui i due coniugi risiedono in abitazioni diverse.  

Infatti, secondo la legge Cirinnà del 2016 che disciplina appunto la questione delle convivenze di fatto, per essere definiti tali i due partners non devono per forza convivere sotto lo stesso tetto se il legame tra i due può essere definito stabile. 

 

I diritti che scaturiscono con la convivenza di fatto 

 

Con la convivenza di fatto scaturiscono alcuni diritti simili a ciò che avviene con il matrimonio tra cui: 

  • La possibilità di designare il partner come rappresentante con potere decisionale in caso di interdizione di uno dei due o di malattia, ne consegue la capacità di decidere in caso di donazione di organi o di celebrazioni funerarie; 

  • La possibilità di fare visista al proprio partner in ospedale allo stesso modo in cui può farlo un familiare. Lo stesso avviene nel caso in cui il partner si trovi in carcere. In entrambi i casi il partner avrà diritto ad accedere alle informazioni personali dell’altro alla stregua di un marito o di una moglie;

  • La possibilità di subentrare al contratto di locazione

  • La possibilità di essere nominato tutore nel caso di interdizione di uno dei due coniugi. 


La differenza tra matrimonio e convivenza di fatto

Nonostante la formalizzazione della convivenza di fatto, molti diritti e doveri siano equiparabili a quelli del matrimonio, vi sono alcune differenze. 

Ad esempio, i conviventi di fatto non hanno gli stessi diritti di una coppia unita in matrimonio nei casi di separazione. Il partner più debole economicamente non potrà esigere di essere mantenuto da quello più forte. 

Altre questioni riguardano il rapporto tra convivenza di fatto ed eredità. Infatti la successione ereditaria non è automatica e il partner rimasto in vita potrà diventare titolare dei beni del de cuius solo tramite testamento.  

Sei un Avvocato?

Fai conoscere la tua attività su Welink Legal