Welink Legal Welink Legal
Licenziamento economico ingiustificato: la riforma dell’articolo 18

Licenziamento economico ingiustificato: la riforma dell’articolo 18

Licenziamento economico: la sentenza della Corte Costituzionale del 1° aprile 2021

Recentemente si è sentito parlare molto della Riforma dell’articolo 18 Comma 7 da parte della Corte Costituzionale.  

 

Stiamo parlando dell’articolo dello Statuto dei Lavoratori che ha come oggetto il licenziamento illegittimo. La sentenza del 1° aprile 2021 ha dichiarato incostituzionale l’articolo 18, in particolare a seguito delle modifiche apportate dalla Riforma Fornero nel 2012. 

 

Tale Riforma prevedeva che nel caso del licenziamento ingiustificato di tipo economico non scattasse in modo automatico la reintegra del dipendente sul posto di lavoro per insussistenza del motivo (assenza di giustificato motivo oggettivo), al contrario del licenziamento per giusta causa (illegittimo) in cui invece la reintegra è obbligatoria e non a discrezione del Giudice. 

Articolo 18 e principio di uguaglianza 

Secondo la Corte Costituzionale, tale articolo viola il principio di uguaglianza previsto dall’articolo 3

Ecco cosa dice l’articolo: 

 

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese”

 

Sembra che l’articolo 18, comma 7 non violasse solo il principio di uguaglianza ma anche altri articoli della Costituzione che sanciscono dei principi invalicabili ovvero  la libertà di iniziativa economica, il diritto alla difesa e di avere un giusto processo

 

Tutti questi diritti vengono meno nel momento in cui si parla di discrezionalità del Giudice nella scelta e non di obbligatorietà. 

Cosa prevede l’articolo 18? 

L’articolo 18 della Costituzione prevede che in caso di licenziamento per ingiusta causa, il datore di lavoro sia obbligato alla reintegra del dipendente. 

 

Esistono quattro forme di tutela che si dividono in: 

  • Tutela reale forte, nel caso di nullità di licenziamento quando ad esempio viene appurato si tratti di licenziamento discriminatorio o che avviene per motivazioni razziali o per motivi illeciti. In questi casi è obbligatoria la reintegra e il risarcimento del danno per tutto il periodo intercorso prima della reintegra vera e propria a lavoro. Questo tipo di tutela si può applicare a tutte le realtà aziendali a prescindere dal numero effettivo dei dipendenti in azienda; 
  • La tutala reale attenuata, nel caso di insussistenza del fatto ad esempio in caso di licenziamento disciplinare. Il dipendente dovrà essere reintegrato e gli dovrà essere corrisposto un risarcimento;
  • Una tutela obbligatoria piena che riguarda tutti quei casi in cui non si può parlare di licenziamento per giusta causa e che prevede la reintegra o un risarcimento indennitario nel caso di licenziamento per ingiustificato motivo oggettivo;
  • Una tutela obbligatoria attenuata nel caso di inosservanza degli obblighi procedurali o per assenza di motivazione valida. In questi casi è previsto il risarcimento di un’indennità tra le 6 e le 12 mensilità.

La Riforma Fornero parla di reintegro solo nei casi in cui il licenziamento sia considerato nullo. Nel caso di licenziamento economico illegittimo invece non era prevista alcuna forma di reintegro ma un risarcimento economico. 

Cosa è cambiato con la Riforma del 1° aprile 

La Riforma del 1° aprile del 2021 parla quindi di dovere del Giudice di reintegrare il lavoratore che è stato licenziato senza un motivo legittimo e non di facoltà arbitraria. 

 

Se avete bisogno di un avvocato esperto in grado di indicarvi la strada da seguire nel caso in cui vi trovate ad affrontare situazioni simili, Jurilink è il posto in cui trovare i migliori avvocati vicino al vostro comune di residenza.

Trova un avvocato o uno studio qualificato

Sei un Avvocato?

Fai conoscere la tua attività su Welink Legal